XLII Edizione 2016


 

Nel 1974 fu restaurato lo storico organo “Nacchini” del 1757 della Basilica della Misericordia che, inaugurato con un Concerto per organo (Luigi Celeghin) e tromba (Angelo Riggione, prima tromba de “La Fenice” di Venezia), è divenuto il centro di una attività che ha fatto di Sant’Elpidio a Mare una delle capitali del concertismo organistico.

Sotto la Direzione artistica del maestro Luigi Celeghin, organista, organologo, ispettore nazionale per gli organi antichi, concertista di fama mondiale, l’Accademia Organistica Elpidiense ha proposto ogni anno (i venerdì del mese di agosto) una serie di concerti che hanno non solo valorizzato gli organi antichi, ma promosso nelle Marche prima e in Italia poi un modello più volte imitato di proposta concertistica per organo.

In 40 anni di attività, la Basilica ha ospitato i maggiori organisti, alcuni dei quali (Ton Koopman, Janos Sebestyen, lo stesso Celeghin) hanno registrato LP e CD per conto di alcune famose case discografiche mondiali (Qualiton, Erato, Hungaroton, Brilliant etc.).

Sempre originali le proposte musicali, che hanno esplorato secoli di musica organistica, le maggiori scuole del mondo, i più celebrati compositori, gli autori locali, non senza sperimentare forme di associazione musicale per organo e strumenti.

Proprio in questo contesto ha proposto opere prime e trascrizioni originali anche di musica contemporanea, fino a ricevere composizioni appositamente composte per il “Nacchini” da nomi come Nino Rota (Improvviso dell’angelo, 1974), Ennio Morricone (Finale, 1998), Peppino Principe (Armonia per organo e fisarmonica, 1997).

Direttamente ha curato l’edizione di alcune incisioni fra le quali Organo e tromba (LP, Celeghin org., Riggione tr., 1975), Improvviso dell’Angelo (LP, Celeghin org., Maur tr., 1989), 20 anni di musica (CD, varie registrazioni, 1984), Nino Rota plays Nino Rota (CD, registrazione originale del Concerto di Nino Rota e i Solisti Dauni di Sant’Elpidio a Mare del 1977, 1999).

Ha organizzato Concerti collaterali, ospitando musicisti come Alexander Lonquich, Stanislav Neuhaus, Angelo Stefanato, Quintetto Pfeiffer etc.); serate di promozione musicale hanno visto la prefenza del critico musicale Quirino Principe, dell’attore Arnoldo Foà come voce recitante, del soprano Katia Ricciarelli per il Concerto dei 25 anni di attività.

Ha promosso il restauro filologico e il riutilizzo musicale di altri organi storici: il Callido del 1785, poi collocato nella Basilica della Misericordia per consentire la concertazione a due organi (altra caratteristica originale dell’Accademia) e il Callido op. 22 della Perinsigne Collegiata.

Nel 1993 ha ospitato una delle Serate di Gala del Prix Italia della Rai. Si è gemellata con il Festival de l’Orgue ancien di Sion (Svizzera) dove è l’organo concertante più antico al mondo (1399, l’anno della costituzione dell’Ariconfraternita della Misericordia).

Nel 1998 ha organizzato il Premio Organistico Internazionale “Pietro Nacchini” che ha visto la partecipazione di giovani organisti da tutta Europa, con una giuria tra le più qualificate, presieduta dal M° Azio Corghi.

Dal 1999 promuove Il Fermano in Musica, Rassegna Organistica della Marca Fermana concerti di rete per la valorizzazione degli organi storici delle piccole località del Fermano, unica occasione di utilizzo di tali strumenti e per giovani concertisti di presentarsi al pubblico.

Valendosi della collaborazione del musicologo Paolo Peretti ha editato la pubblicazione Gli organi antichi di Sant’Elpidio a Mare.

Costantemente ospita giovani organisti e classi di organo di Conservatori italiani per la didattica.

È promotrice del Network Organistico Marchigiano «Marche&Organi» con il quale e insieme al quale organizza Suoni d’Organo per le Marche, primo Festival Organistico Marcxhigiano.

Nel 2011 ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica.

Nel 2012 il Presidente Giovanni Martinelli ha ricevuto il Premio MarcheMusica “Una vita per la Musica”.

L’edizione del Quarantennale (2014) ha ricevuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.